Claudio Cherubino's blog Life of a Googler

25Feb/090

I fumetti del futuro

Nasce da un gruppo italiano quello che potrebbe essere il capostipite di un nuovo modo di intendere i fumetti.

Sto parlando di A Separate World, un fumetto multimediale (o enhanced comics, come viene definito dagli autori) da visualizzare su iPhone e che si distacca dai classici fumetti per l'aggiunta di colonna sonora, filmati e alcuni aspetti interattivi.

Il primo numero conterrà 120 pagine e dovrebbe costare 79 centesimi; il rilascio è previsto per metà Marzo.

Per ingannare l'attesa vi lascio con il teaser del fumetto, che ne pensate?

21Feb/090

Sbarco su Twitter

Ho provato a resistere a lungo, ma alla fine ho ceduto ed ho aperto anche io un account su Twitter (ccherubino).

Devo ammettere che il micro-blogging mi attira e si abbina molto più facilmente del blog tradizionale alla mancanza di tempo per scrivere.

Adesso mi trovo a barcamenarmi fra lo studio delle potenzialità di Twitter e la ricerca dei twit più interessanti da seguire, stando però attento a non dedicare troppo tempo a questo nuovo interesse.

Se volete sprecare il vostro tempo, potete seguirmi su http://www.twitter.com/ccherubino oppure dare semplicemente un'occhiata al widget che trovate nella colonna di destra di questo sito.

E ora mi consigliate qualche altro account Twitter da non lasciarmi scappare?

9Feb/091

I nostri antenati preistorici

Vi siete mai chiesti che aspetto avevano i vostri antenati vissuti qualche milione di anni fa nella Preistoria?.

Per scoprirlo è possibile sfruttare il servizio Devolve Me, ospitato dalla sezione dedicata a Charles Darwin della The Open University.

Il funzionamento è molto semplice, basta uploadare una propria foto e iniziare un viaggio a ritroso nel tempo per vedere se stessi in versione Australopiteco, Homo Habilis, Homo Erectus e Homo Heidelbergensis (detto anche Homo Sapiens arcaico).

Questo sono io tre milioni e mezzo di anni fa. Dite che mi somiglia?

Australopiteco

9Jan/090

Il sesso dei blog…

...o meglio dei loro autori (evviva i titoli civetta!). :mrgreen:

Sapevate che uomini e donne scrivono in maniera differente e che è possibile dedurre il sesso di una persona solo leggendo ciò che questa scrive?

Pare che sia proprio la verità e per dimostrarlo è stato lanciato il sito GenderAnalyzer, che è in grado di analizzare i contenuti di un blog/sito e scoprire il sesso dell'autore.

Io ho fatto una serie di tentativi e GenderAnalyzer non ha mai sbagliato, rispondendo sempre in maniera esatta e con un buon grado di confidenza.

L'unica limitazione, almeno per adesso, è che sono supportati solo blog scritti in lingua inglese e quindi ho fatto i test con FSharp.it (che è mio ed è stato attribuito ad un uomo con una probabilità dell'86%), Sara Ford's WebLog (donna al 99%) e Joel on Software (uomo al 75%).

Alla fine dell'analisi GenderAnalyzer permette anche di segnalare se la deduzione è stata corretta, consentendo al sistema di migliorare continuamente la propria capacità di riconoscimento.

Chi mi spiega quali sono le differenze nella scrittura fra uomo e donna?

15Dec/081

Wordle, la nuova tag cloud

Poco più di un anno fa vi spiegavo come inserire una tag cloud all'interno del vostro blog basato su WordPress, ma da allora le mode sono cambiate e pare che adesso non ci sia blogger che si sia convertito a Wordle.

Di cosa si tratta?

Sostanzialmente si tratta di una variante della tag cloud che è basata su tutte le parole di un sito e non solo i tag.

Per generarlo basta andare sul sito Wordle.net e indicare l'indirizzo del proprio sito o feed.

L'applicazione, realizzata come applet Java, genererà rapidamente il wordle e successivamente sarà possibile personalizzarlo variando font, colori e altre impostazioni.

L'unico problema è che non è prevista alcuna possibilità di esportazione del risultato ottenuto, ma saremo costretti a catturare lo schermo per salvare l'immagine.

Ho provato a far analizzare questo blog ed ecco il risultato ottenuto:

Wordle

Bello, no? Peccato che non abbia ancora capito a che possa servire! :???:

13Sep/083

Dropbox: il nostro disco su Internet

Penso di non essere l'unico che ogni giorno utilizza sia il computer dell'ufficio che quello di casa e magari ogni tanto lavora anche sul portatile.

Se è così anche per voi, di sicuro vi sarà capitato di cercare disperatamente qualche file e realizzare che l'unica copia si trova sul computer che non abbiamo davanti.

Visto che questo scenario è abbastanza frequente, credo di aver provato tutte le soluzioni classiche e anche qualcuna un pò più "esotica": copia dei file su pendrive, invio di mail da un pc all'altro, spazio ftp personale, accesso via desktop remoto o VNC al computer di casa e chissà quante altre idee più o meno creative.

Nessuna di queste è mai durata a lungo, eppure continuo a sperare di trovare una soluzione definitiva e forse stavolta ci siamo.

E' stato appena aperto al pubblico un servizio web chiamato Dropbox, che fornisce gratuitamente 2 Gb di spazio disco virtuale ad ogni utente e rende questo spazio accessibile in maniera trasparente sia su Windows che su Linux o MacOSX.

Basta andare sul sito http://www.getdropbox.com/ e scaricare il software che si occuperà di creare una cartella chiamata My Dropbox all'interno della cartella Documenti dell'utente che verrà automaticamente sincronizzata con lo storage remoto e di conseguenza con tutti gli altri computer su cui abbiamo installato Dropbox.

L'integrazione con il sistema operativo è praticamente perfetta, tanto che si può fare drag and drop sulla cartella condivisa e anche lo stato della sincronizzazione verrà segnalato da un segno di spunta posizionato sopra le icone.

Ogni utente può accedere al propri spazio condiviso anche dall'interfaccia web ed è inoltre possibile generare un link pubblico per ogni file, in modo da permetterne il download anche da parte di altre persone.

Interfaccia web di Dropbox

Interfaccia web di Dropbox

In futuro Dropbox proporrà anche dei profili a pagamento che consentiranno di superare la soglia di 2 Gb di spazio disco, ma l'account base sarà sempre gratuito, quindi se come me avete bisogno di avere sempre a portata di mano certi file, vi consiglio di dargli un'occhiata.

8Sep/080

Songbird, il media player di Mozilla

Chi contribuisce ad un progetto open-source non lo fa, almeno nelle intenzioni iniziali, per ricavarne dei soldi, ma al massimo notorietà o qualche contatto che potrà risultare utile un giorno.

Di sicuro si tratta di un ottimo modo per imparare cose nuove e sperimentare le ultime tecnologie, ed è con questo spirito che personalmente ho dato il mio apporto a MySQL, PHP, WordPress e, più recentemente, Songbird.

Probabilmente conoscerete tutti i primi tre, ma è proprio dell'ultimo che vorrei parlarvi in questa occasione.

Songbird è un media player open-source basato sulla piattaforma XULRunner di Mozilla, in pratica la stessa tecnologia alla base dei ben più noti Firefox e Thunderbird.

Lo sviluppo è arrivato attualmente alla release 0.8pre ma le caratteristiche sono già confrontabili con quelle di iTunes e comprendono anche il supporto per le estensioni (stile Firefox) e i temi, qui chiamati "feathers".

All'interno del sito ufficiale (http://getsongbird.com/) esiste uno sezione dedicata a chi vuole contribuire (http://getsongbird.com/contribute/) che descrive tutte i modi che esistono per supportare il progetto.

Ovviamente il primo tra essi consiste nello scrivere del codice, ma è anche possibile fare la propria parte semplicemente facendo conoscere Songbird o segnalando i bug che si incontrano.

A proposito di ciò, Pioneers Of The Inevitable (l'azienda che sta dietro Songbird) ha costituito il gruppo sb_core, costituito da quegli sviluppatori che si occupano di fixare i bug dell'applicazione.

In cambio, ogni sviluppatore riceve una serie di quei gadget che rendono felice la vita di noi geek.

Io faccio parte di questo gruppo avendo chiuso il mio primo bug una decina di giorni fa e proprio oggi ho trovato nella cassetta delle lettere una busta contenente una maglietta e tonnellate di stickers, spille e cartoline.

Ho fatto una foto a questo ben di dio, chissà che non invogli anche voi a contribuire:

I gadget di Songbird

I gadget di Songbird

All'inizio potrà sembrare molto difficile, ma pian piano si scoprono tanti piccoli trucchetti e soprattutto si comincia a padroneggiare una piattaforma complessa come quella di Mozilla.

Se volete una mano chiedete pure, ma vi consiglio di scoprire da soli la soddisfazione di vedere il proprio codice all'interno di un progetto così vasto e importante...

2Sep/080

Si inasprisce la guerra dei browser

UPDATE: Google Chrome è stato rilasciato in versione Beta per Windows e può essere scaricato da http://www.google.com/chrome.

Proprio quando sembrava ormai che il mercato dei browser web presentasse esclusivamente due protagonisti (Internet Explorer e Mozilla Firefox) e un paio di comprimari (Safari e Opera fra tutti), ecco spuntare l'annuncio clamoroso, che segue almeno un anno di secche smentite:

Google sta per presentare il suo browser!

Chrome, il browser di Google

Chrome, il browser di Google


Il software, chiamato Chrome, è stato presentato oggi sul blog ufficiale di Google, ma non è stato ancora rilasciato, anche se dovrebbe essere questione di giorni se non di ore.

Il progetto, basato su Webkit come Safari, sarà distribuito con licenza open-source ed è destinato a sconvolgere gli equilibri del mercato, sfidando apertamente il recente (e ottimo) Firefox 3 e il prossimo Internet Explorer 8, attualmente in Beta 2.

Le promesse sono molteplici, innanzitutto ogni tab sarà eseguito in un thread processo separato per garantire stabilità e sicurezza. Anche le performance dovrebbero essere di prim'ordine, grazie alla macchina virtuale JavaScript chiamata V8.

E' stata anche prevista una modalità di navigazione stealth per navigare senza lasciare tracce nella cronologia.

Come sempre Google non lesina le sorprese e per presentare Chrome ha pensato di pubblicare un fumetto che ne descrive le caratteristiche e le potenzialità.

Adesso non ci resta che attendere il rilascio, pare che la prima versione distribuita sarà quella per Windows mentre gli utenti Linux e Mac dovranno attendere ancora un pò.

18Jul/083

Riapre BlogBabel!

Dopo quasi quattro mesi dalla chiusura improvvisa, oggi è tornato online BlogBabel con una nuova grafica e nuove funzionalità.

La discussa classifica è sempre là e i primi nomi sono più o meno sempre gli stessi, con Beppe Grillo sempre davanti a tutti.


La classifica di BlogBabel

La classifica di BlogBabel


Dite che adesso tutti noi blogger torneremo a fare a gara a "chi ce l'ha più lungo" ovvero a confrontare i piazzamenti in classifica?

Nel mio caso il problema non credo che si ponga, alla fine la mia posizione si aggira intorno a 2400, e non penso che potrà mai salire più di tanto.

Dite che ce la faremo a non fare chiudere BlogBabel una seconda volta? :)

16Jul/081

Priston Tale II arriva in Europa

Qualche mese fa vi segnalavo Dofus, un MMORPG in stile manga sviluppato dalla francese Ankama Games, mentre oggi vi voglio presentare Priston Tale II, il seguito del famoso (almeno in Corea) Priston Tale, che da Settembre farà il suo sbarco nel Vecchio Continente.

Per adesso le informazioni disponibili sono veramente poche, in pratica l'unica cosa che si è vista è questo trailer:

A dire la verità ci sarebbe anche il sito ufficiale www.pt2europe.com, che sembra non contenere nulla, ma cela invece una serie di hotspot (pixel nascosti) che, se cliccati, conducono a degli extra, tra cui scene di gioco, trailer, scenari e personaggi.

Vi lascio con una delle (poche) immagini distribuite, penso proprio che di questo Priston Tale II ne riparleremo...


Priston Tale II

Priston Tale II