Claudio Cherubino's blog Life of a Googler

26Jun/092

Addio Michael

Ha fatto la storia della musica Pop ma ultimamente se ne parlava solo per le sue stranezze, eppure quello che mi resterà più impresso è il documentario Living with Michael Jackson in cui si capiva che Jacko era semplicemente un bambinone costretto in un corpo da adulto.

Sin da piccolissimo, spinto dal padre, non aveva fatto altro che produrre musica e generare montagne di soldi, e quindi, diventato adulto, ha cercato di recuperare l'infanzia ormai perduta, arrivando persino a costruire la fantastica Neverland, la villa da favola con all'interno un parco a tema e uno zoo.

E' stato accusato più volte di abusi su minori, ma bastava sentirlo parlare per capire che si trattava semplicemente di un ragazzino che cercava la compagnia dei coetanei per giocare insieme ad essi come non aveva mai potuto fare da piccolo.

Un personaggio contrastato e con molti problemi, ma sicuramente unico e che mancherà a tutti.

Addio Micheal...

Comments (2) Trackbacks (0)
  1. Concordo abbastanza con la tua analisi. Soprattutto ricordo in quel documentario come fosse chiaro il fatto che Jacko fosse assolutamente plagiato da tanta gente “sbagliata” che gli stava intorno. Peccato davvero, di certo ha avuto una vita piena di drammi e difficoltà.

  2. Le cattive compagnie…Come spesso accade a molti personaggi ricchi e famosi


Leave a comment

(required)

No trackbacks yet.