Claudio Cherubino's blog Life of a Googler

11Dec/072

ll posizionamento dei prodotti sul mercato

In uno dei miei viaggi di lavoro mi è capitato di avere seduto a fianco un ingegnere della Maserati ormai in pensione, il quale mi ha raccontato una storia molto interessante e che mi è rimasta impressa nella mente.

Questo ingegnere si occupava della progettazione delle automobili, ma, come è noto, fino a un pò di anni fa la Maserati non navigava certo in buone acque e rischiava il fallimento.

Eppure l'ultimo modello lanciato non era per niente male e anche il costo era abbastanza contenuto.

Con l'azienda in serie difficoltà, i grandi capi chiesero al team di progettisti (fra cui l'ingegnere che mi ha raccontato la storia) di spremersi le meningi e tirare fuori dal cilindro un nuovo modello di auto per riavvicinare i clienti.

Ma cosa si può fare più di una buona macchina proposta ad un buon prezzo?

Gli ingegneri si scervellarono e alla fine ecco cosa decisero:

"Prendiamo il modello attuale, aggiungiamo un paio di finiture eleganti e raddoppiamo il prezzo."

I manager, che non sapevano che pesci pigliare, decisero di tentare questa carta, nonostante all'apparenza fosse una follia e, incredibilmente, le vendite del "nuovo" modello furono ottime!

Non capite il perchè?

Eppure è facile!
Chi compra una Maserati lo fa per distinguersi e se il prezzo è basso chiunque può comprarla per se. Tuttavia, se tutti possono comprare una Maserati, allora averne una non è più un segno di distinzione.

Raddoppiando il prezzo, invece, la stessa auto torna ad essere elitaria e possederne una diventa uno status symbol, spingendo chi può permettersela a volerne una.

Facile, no?

Comments (2) Trackbacks (0)
  1. Io avrei comprato volentieri quella che costava meno :smile:

    Anzi, se vogliono farne un’altromodello di fascia bassa io sono disponibile per l’acquisto in futuro

  2. Sono d’accordo con te.

    La morale della storia è che ci sono troppi idioti pieni di soldi in giro ed è un peccato non sfruttarli! :twisted:


Leave a comment

(required)

No trackbacks yet.